Bagni come a Marrakech.


Non mi piacciono le piastrelle.

Forse perché hanno sempre finalità estetiche e io non sono un tipo decorativo, almeno non di base.

Mi piacciono le decorazioni occasionali come l’albero di Natale o una tavola ben apparecchiata, ma le piastrelle con texture, disegni, colori… penso che mi stancherei prima che cambi la moda.

E quindi che si fa?

In Marocco fanno così.

tadelakt_marrakech

Bagnano per bene il muro e si armano di santa pazienza, stendono due strati di calce speciale (e con speciale intendo naturale e originale della zona di Marrackech, ottenuta cuocendo a legna rocce calcaree della zona) e con un ciottolo di fiume tagliato a metà stendono questa calce, per poi lisciarla con una seconda pietra e lucidarla con un sapone all’olio di oliva, anch’esso speciale perché originale e artigianale.

Le caratteristiche tecniche di questa finitura, che in Marocco viene usata per bagni, hammam e addirittura vasche e lavandini, la rendono ideale anche per le superfici bagnate delle nostre case in quanto il Tadelakt è traspirante, idrorepellente e antimuffa.

Mai come in questo caso l’emozione non è solo estetica, anche se un bagno così per me è un sogno.

Si tratta dell’emozione che scaturisce dal fatto che deve essere tutto un po’ magico per funzionare.

Ci vuole la calce giusta, ottenuta in cave prive di tecnologia e macchinari, in una zona precisa della Turchia, il frattone in legno di cedro, il ciottolo di fiume levigato sapientemente, il secondo sasso arrotondato, il sapone nero artigianale per la lucidatura. E poi la mano, le mani. Bisogna saperlo fare e spesso è meglio essere in tanti perché quel che si inizia in una giornata di lavoro va anche concluso.

E in questi tempi di globalizzazione c’è chi scopiazza idee e prodotti rendendo imbarazzante anche l’originale e chi invece esporta l’arte, la rende oggetto di scambi culturali con il vicino ma lontano Marocco. E la gente partecipa, i corsi sono frequenti e il materiale per realizzare il Tadelakt reperibile. Chi avesse amici a Torino e amasse queste lavorazioni potrebbe farsi ospitare e provare a imparare! http://www.tadelakt.it

Sicuramente ci sono aziende che realizzano a regola d’arte queste lavorazioni e mi è stata segnalata un’azienda altoatesina, Terra Naturforum, anche se forse nelle grandi città qualche immigrato marocchino magari lo sa fare come si deve.

Purtroppo il Tadelakt non è proprio per tutti. Forse non è per me visto che servono pareti porose su cui stendere questa argilla e io avrò legno e del misero cartongesso solo dove non se ne può fare a meno, come ad esempio nei bagni.

Probabilmente è un materiale ottimo per le ristrutturazioni e ancor meglio per i restauri, adatto a quelle pareti dove gli intonaci chimici non aderiscono, si scrostano e fanno la muffa.

Quindi per chi deve ristrutturare ecco un bagno da sogno, altro che pannello touch screen in doccia!

angolodeltetto
About me

Gianna, Blogger e una grande passione per il design.

YOU MIGHT ALSO LIKE

Salone del Mobile 2016. Bagno.
May 02, 2016
Ecologico è bello.
March 03, 2016
Save Sammezzano.
February 25, 2016
Materiali per l’architettura
February 03, 2016
Bagni di casa Mia. Part I.
February 18, 2015
Pavimento in cemento. Lucidato.
January 22, 2015
Pavimento in Cemento Industriale.
July 10, 2014
Palette colori.
July 09, 2014
Cappotto in fibra di legno.
July 03, 2014

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *