Casette per bambini.


Ho bisogno di un eremo. Un posto dove stare sola a leggere un libro, sfogliare una rivista e perdermi ad osservare i dettagli, la luce delle foto, le facce della gente. Un posto dove spogliarmi del mio ruolo per qualche ora e tornare coi lineamenti distesi.

Un posto come questo. E visto che io non sono un tipo da mezze stagioni, ci voglio pure la neve.

I miei figli invece hanno bisogno di giocare a “mamma casetta”.

Pentoline, tazze e manicaretti vengono facilmente prodotti dalla loro fantasia, complice la scorta di Lego Duplo e l’esperienza maturata in cucina impastando il pane, sbucciando cipolle e centrifugando insalata.

Manca la casetta. Ma non solo quella.

villa_julia_magis

Da tenere in casa c’è Villa Julia, la amo da sempre per il suo design, perché essendo di cartone è anche ecologica e può essere personalizzata, ma intanto è anche bella così. L’unica perplessità è relativa alla sua compatibilità coi gemelli, perché quando si dice che l’unione fa la forza, difficilmente si evocano forze di pace. In offerta QUI a 153,00€

plywood

Per i genitori minimalisti, con poco budget e una casa… come la mia, ecco un’idea da far tagliare a misura in qualsiasi segheria e montare in 10 minuti.

Non somiglia a una casetta ma i bambini sanno ancora usare la fantasia e non necessitano di tetti spioventi e tende fiorite, bastano due cuscini, un piano di lavoro e qualche oggetto portato da loro.

Può essere dimensionata a seconda dello spazio che le si può dedicare e se la suocera (una a caso tra le due) fa una visita a sorpresa diventa un metro cubo da riempire con tutto quello che si trova nel raggio di 10 metri. Sarà mia.

Per la lampada non c’è che l’imbarazzo della scelta, io ci metterei una Muuto E27 e la comprerei QUI.

casetta_per_bambini_playhouse

E poi ci sono le casette semiserie, quelle in legno che stanno tanto bene in salotto, discretamente fuori all’asciutto e guaialmondo alle intemperie.

Prima che la esaurissero si trovava QUI a 650,00 $.

playhouse1

Vivendo in campagna non posso che ammirare i genitori geniali, pieni di buona volontà e con un’innata propensione (a volte talento) per il bricolage. Genitori che hanno realizzato con le proprie mani un rifugio per i figli spendendo pochissimo, magari riutilizzando vecchi bancali, assi ingrigite dal tempo e investendo qualche risorsa per gli upgrade: scivoli, pareti da arrampicata, ponti sospesi e pareti lavagna all’interno.

Genitori che talvolta si sono presi la briga di preparare delle schede con misure e istruzioni di montaggio. Genitori che ti fanno sentire totalmente incapace.

casetta_bambini_camera

Io quei genitori li colleziono su Pinterest.
La casetta perfetta? Un mix di tutte quelle descritte, con l’amore di chi la vuole costruire, la progetta con passione e la realizza con le proprie mani. E per quelli che non hanno spazio, manualità e budget è sufficiente un lenzuolo, qualche cuscino e un libro illustrato per creare l’intimità di una piccola casa, di un nido riservato dove fare cose speciali, lasciandosi coinvolgere in giochi di fantasia dai bambini.

Questa si avvicina alla perfezione in maniera imbarazzante.

Ma quest’altra è davvero molto più vicina alle nostre competenze tecniche e alla sua permanenza in un giardino di campagna. Ci riusciremo?

angolodeltetto
About me

Gianna, Blogger e una grande passione per il design.

YOU MIGHT ALSO LIKE

Save Sammezzano.
February 25, 2016
After Party.
January 02, 2016
Open Design Italia. I miei vincitori.
June 20, 2015
Euroluce. Lampade Luce DNA.
May 11, 2015
Fuorisalone 2015. Brera.
April 29, 2015
Sedie al Salone. Meeting Thonet.
April 14, 2015
Credenza sospesa.
April 10, 2015
Primi arredi su misura.
March 09, 2015
Bagni di casa Mia. Part I.
February 18, 2015

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *