Weekend Umbro – Marchigiano.


Il primo weekend di primavera è per me un momento speciale e carico di fortissime emozioni.

Tre anni fa sono diventata mamma di due splendidi e vivacissimi bambini e ogni anno cerchiamo di raccoglierci noi quattro per pensare con calma a quei momenti burrascosi che ci hanno cambiato la vita, offrendoci grandi sfide e possibilità inaspettate anche se l’inizio è stato tutt’altro che semplice.

 Quest’anno ci siamo regalati un weekend a Sassoferrato, tra le colline dell’entroterra marchigiano e a pochi chilometri dall’Umbria.

Siamo stati ospiti di una coppia di amici che hanno messo tutta la loro passione nella riqualificazione di un edificio risalente ai primi del ‘900 trasformandolo nel Residence Raffaello, il quale vanta eccellenti recensioni Tripadvisor e il carattere speciale delle dimore storiche restaurate e gestite come se fossero Casa.

raffaello_residence_sassoferrato

Si è presentata così la perfetta occasione per attraversare le verdi e variegate colline  cavallo tra Umbria e Marche per raggiungere la suggestiva città di Gubbio, medievale e perfettamente conservata, che ci ha accolti con un forte vento e nuvole veloci, sprazzi di sole e cielo azzurro e un contest di spettacolari ed enormi aquiloni.

Gubbio è certamente la più autentica delle città medievali che ho visitato, originale nella sua parte bassa con casette e fitte stradine, maestosa e imponente nella parte alta col Palazzo dei Consoli e gli edifici ecclesiastici.

E’ stata anche una bella occasione gastronomica con il nostro pranzo alla Locanda del Cantiniere, dove i miei bambini stanchi per le ore di camminata si sono deliziati con la pasta fresca magnificamente condita e i piccoli panini aromatici appena sfornati.

Gubbio è originale e vive della propria economia senza occuparsi troppo del turismo, pur avendo quasi tutte le carte in regola per diventare patrimonio UNESCO.

gubbio_viaggi_casa_in_legnoNella foto: io e Matilde.

Poi una visita a Fabriano e via a cena in un ristorante speciale all’interno del piccolo borgo di Genga, la Locanda del Papa (anch’essa con certificato di eccellenza Tripadvisor). Abbiamo passato una bellissima serata in compagnia dei nostri ospiti e i bambini… beh, si sono davvero scatenati tra pianoforte e incursioni nella grotta che ospita parte della locanda.

Sulla strada del ritorno, gironzolando per le colline marchigiane, ci siamo fermati a Urbino.

Anche se l’ho trovata davvero bella e certamente più gentile di Gubbio dal punto di vista architettonico, mi è sembrata anche più turistica, piena di locali con menu medievali e schermi al led con MTV a palla, cantieri e parcheggi costosi. Resta comunque una bellissima città da visitare e il fatto di essere costruita in cima a un colle e al contempo all’interno di una conca, costruita e pavimentata con rossi e sottili mattoncini, piena di ripide salite e discese, la rende davvero unica nel suo genere.

Ho portato a casa l’amore per un territorio che ancora non conoscevo, l’amicizia di persone appassionate e alcune riflessioni sul rispetto e la valorizzazione del territorio, atteggiamento che in Veneto è stato abbandonato vent’anni or sono in favore di una economia di massimizzazione del profitto a discapito di tutto.

Alla prossima occasione visiteremo le grotte di Frasassi, Spello e Assisi e speriamo che nel frattempo la ferrovia abbandonata che attraversa la regione venga trasformata in pista ciclabile!

angolodeltetto
About me

Gianna, Blogger e una grande passione per il design.

YOU MIGHT ALSO LIKE

Save Sammezzano.
February 25, 2016
After Party.
January 02, 2016
Open Design Italia. I miei vincitori.
June 20, 2015
Fuorisalone 2015. Brera.
April 29, 2015
Primi arredi su misura.
March 09, 2015
Bagni di casa Mia. Part I.
February 18, 2015
Casa TM.
July 22, 2014
Bagni bellissimi a KmZero.
June 23, 2014
Salone Satellite 2014.
April 28, 2014

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *